Mandala? Non solo per bambini

| | Comments (1)
Mandala

Da un cerchio e un punto nasce il Mandala, un disegno circolare più o meno elaborato e rigorosamente bianco, il cui significato in sanscrito è "essenza".

Da colorare, a seconda del proprio stato d'animo, seguendo delle semplici regole: silenzio, concentrazione, apertura mentale. E' Michelle Marie Prévaud ad illustrare, attraverso alcuni quaderni da lei stessa idealizzati, gli effetti immediati e assicurati che questa pratica scaturisce.
Concentrarsi sui contorni, sugli spazi più ridotti e sulla combinazione e stesura del colore (che siano pennarelli, pastelli o acquerelli) è di fondamentale importanza per rilassarsi e dimenticare per un attimo tutto il resto. Particolarmente indicato, quindi, non solo per i bambini: la Prévaud ha trasformato questa sua idea in una vera e propria "terapia" da utilizzare anche negli ospedali, nei centri sociali e nelle case di riposo.

Forse vi sembrerà inverosimile che si possano trarre realmente dei benefici da una cosa tanto banale, infantile e quasi ridicola; tuttavia, sappiate che qualcun altro ha compiuto studi approfonditi sul Mandala, ancora prima di Marie Prévaud.

Si tratta del famoso psicanalista svizzero Carl Gustav Jung, che per oltre vent'anni si è dedicato alla sua teoria secondo la quale il Mandala è una sorta di cerchio protettivo capace non solo di allontanare le preoccupazioni esterne, ma anche di stabilire un ordine interiore attraverso l'apparizione spontanea in sogno di nuovi disegni. Ecco che il Mandala non è più un semplice mito religioso, ma uno strumento per studiare la personalità dell'uomo, un metodo efficace che influenza direttamente la psiche umana.

Ad ogni modo, Marie Pré, come lei stessa si firma nelle sue raccolte di Mandala, ha dimostrato empiricamente i vantaggi offerti da questa speciale forma d'arte, arrivando a coronare il successo delle proprie ricerche con la creazione della Scuola Sperimentale Formativa (2003).

In questo modo l'uso del Mandala non è più conosciuto e condiviso soltanto in Oriente, dove esso trova le proprie origini, bensì anche in Occidente.
Io stessa mi sono meravigliata e stupita nel constatare l'aiuto che questa tradizione offre nello scrutare all'interno del proprio Io e nel confrontare la propria creatività con gli altri; la concentrazione richiesta impedisce di pensare ad altro, dando modo di creare un piccolo mondo dove la cosa più importante è portare a termine un semplice disegno.

Non siate diffidenti, provate per credere: spesso le cose più semplici sono davvero le migliori.

1 Comments

E' vero, provare per credere!


Regole per commentare gli articoli
L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non utilizza filtri preventivi e pertanto chi invia il proprio messaggio è il reale e l'unico responsabile del contenuto e delle sue sorti.

Prima di intervenire nel blog è utile sapere che non sono consentiti messaggi:

  • - privi di indirizzo email
  • - anonimi (cioè senza nome e cognome) ma puoi utilizzare uno pseudonimo
  • - pubblicitari
  • - con linguaggio offensivo
  • - che contengono turpiloquio
  • - con contenuto razzista o sessista
  • - il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, etc.)

    La redazione potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. La redazione non potrà essere ritenuta responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

    Invia il tuo commento

    (Se non hai mai scritto su questo blog, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione. Ti ringraziamo per l'attesa.)

    Accedi al blog per commentare questo articolo oppure lascia un tuo commento senza effettuare la registrazione cliccando direttamente su comment anonymously.

    Ti ricordiamo che i messaggi anonimi (senza nome e cognome) saranno cancellati.




    Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003
    Desideriamo informarti che il Decreto legislativo n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della tua riservatezza e dei tuoi diritti. Ai sensi dell'art.13 del D.lgs. n.196/2003, ti forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

  • i dati da te forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
  • il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza
  • i dati da te forniti non saranno oggetto di diffusione
  • Creative Commons License

    This blog is licensed under a Creative Commons License

    Technorati


    November 2011

    Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat
        1 2 3 4 5
    6 7 8 9 10 11 12
    13 14 15 16 17 18 19
    20 21 22 23 24 25 26
    27 28 29 30      

    About this Entry

    This page contains a single entry by Elisa Danieli published on September 29, 2010 12:07 PM.

    Il beachwear fa tendenza was the previous entry in this blog.

    La gioia dell'oggi. Cogliamola! is the next entry in this blog.

    Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

    Tag Cloud