Standing in the way of control

| | Comments (0)
Beth Ditto

Mary Beth Patterson, in arte Beth Ditto, è una che se la vedi una volta non la dimentichi più. Questa ventottenne dell'Arkansas è la frontwoman del gruppo punk/soul dei "The Gossip": voce da Aretha Franklin e predilezione per accostamenti esagerati in fatto di vestiti (una Cindy Lauper degli anni duemila?), è diventata nel corso del tempo icona di stile, corteggiata dagli stilisti e inseguita dai giornali di moda di tutto il mondo.

Beth Ditto te la ricordi perché la sua immagine contrasta pesantemente con quella delle sue colleghe (filiformi, magre, magrissime, a volte ai limiti dell'anoressia), giacché lei porta in giro con fierezza i suoi quasi cento chili. Non per niente, ama dichiarare che il suo modello di femminilità è Miss Piggy dei Muppets.
Delle forme abbondanti ha fatto il simbolo evidentissimo della sua personale campagna contro la taglia zero (cercata e decantata all'eccesso, nel mondo della moda e, spesso e volentieri, anche in quello della musica), e contro quello che lei chiama il "fascismo del corpo". Non si può non rimanere affascinati dalla sua carica vitale, prorompente, e da quella giusta dose di politically scorrect che diventa fondamentale nella costruzione del personaggio-Beth Ditto. E' lei quella che si presenta la sera prima, sul palco, a cantare in bikini, birra in una mano e sigaretta nell'altra (mostrando a tutti un'altra delle caratteristiche che la classificano in primis come una ragazzaccia del punk, cioè il disinteresse verso la depilazione), e la sera dopo è sempre lei quella che si fa fotografare inguainata in uno stupendo abito maculato fluo di seta agli ultimi Glamour Awards, dove si è aggiudicata il premio come International Artist of the Year.

Questa è Beth Ditto, ma è anche molto altro: lesbica dichiarata, da sempre attivista del movimento LGBT, è legata da sei anni al transgender Freddie, e si è fatta riconoscere recentemente per aver attaccato la hit "I kissed a girl" di Kate Perry come offensiva nei confronti della comunità gay.

Nel 2006 si porta a casa anche il premio di Personaggio più cool del rock della rivista New Musical Express, testata per la cui copertina ha anche posato nuda (e non è stata l'unica volta: l'ha fatto, coperta solo dalla scritta del suo nome, dai suoi tatuaggi e da un'enorme rosa di chiffon, anche per la rivista Love).

Ora è anche uscita la sua collezione di vestiti, per taglie XL, per il brand Evans (il "fratello" di quel TopShop col quale l'anno scorso si era rifiutata di collaborare, proprio perché dedicato solo a taglie 40), col quale ha firmato un contratto da duecentomila sterline. Il sito bethdittoatevans.co.uk è cliccatissimo, e la sua linea, che strizza l'occhio agli anni Ottanta, fa una ferrea concorrenza a quella che, a causa della sua vicinanza, sembra quasi sbiadire, dell'amica Kate Moss.
Il fenomeno Beth Ditto è esploso: adesso anche la ciccia si è presa la sua rivincita (finalmente).


Regole per commentare gli articoli
L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non utilizza filtri preventivi e pertanto chi invia il proprio messaggio è il reale e l'unico responsabile del contenuto e delle sue sorti.

Prima di intervenire nel blog è utile sapere che non sono consentiti messaggi:

  • - privi di indirizzo email
  • - anonimi (cioè senza nome e cognome) ma puoi utilizzare uno pseudonimo
  • - pubblicitari
  • - con linguaggio offensivo
  • - che contengono turpiloquio
  • - con contenuto razzista o sessista
  • - il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, etc.)

    La redazione potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. La redazione non potrà essere ritenuta responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

    Invia il tuo commento

    (Se non hai mai scritto su questo blog, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione. Ti ringraziamo per l'attesa.)

    Accedi al blog per commentare questo articolo oppure lascia un tuo commento senza effettuare la registrazione cliccando direttamente su comment anonymously.

    Ti ricordiamo che i messaggi anonimi (senza nome e cognome) saranno cancellati.




    Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003
    Desideriamo informarti che il Decreto legislativo n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della tua riservatezza e dei tuoi diritti. Ai sensi dell'art.13 del D.lgs. n.196/2003, ti forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

  • i dati da te forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
  • il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza
  • i dati da te forniti non saranno oggetto di diffusione
  • Creative Commons License

    This blog is licensed under a Creative Commons License

    Technorati


    November 2011

    Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat
        1 2 3 4 5
    6 7 8 9 10 11 12
    13 14 15 16 17 18 19
    20 21 22 23 24 25 26
    27 28 29 30      

    About this Entry

    This page contains a single entry by Beatrice Pesente published on August 2, 2009 2:18 PM.

    Viaggio in Sicilia tra le case dei Vip was the previous entry in this blog.

    Michael Jackson: un Re che non morirà mai is the next entry in this blog.

    Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

    Tag Cloud