May 2008 Archives

giornata_oasi2008.jpg Batteri, farfalle, balene, foreste tropicali, boschi, specchi d'acqua dolce e marina: cosa hanno in comune animali, piante e ambienti naturali? Semplice: costituiscono la biodiversità. La biodiversità è infatti l'insieme, e quindi la varietà, degli esseri viventi che popolano la Terra.
Una varietà - frutto di lunghi e complessi processi evolutivi che durano da oltre 3 miliardi di anni - incredibilmente ricca di organismi, di ogni forma e dimensione: da quelli più piccoli che possiamo osservare solo con una lente, ai giganti della terraferma e delle acque. Dalla biodiversità non ne resta fuori l'uomo. Anche noi siamo parte della biodiversità e sfruttiamo i servizi che la Natura ci offre: cibo, acqua, energia e moltissime risorse necessarie per la nostra vita di tutti i giorni.
Libri e manuali di scienza riportano un lunghissimo elenco di specie animali e vegetali attualmente viventi: gli esperti ne sono riusciti a descrivere in totale circa due milioni, anche se in realtà si ipotizza che di esseri viventi sulla Terra ne possano esistere oltre dodici milioni. La colonia più folta è rappresentata dagli Animali che sono circa 1.318.000, di cui 1.265.000 Invertebrati e 52.500 Vertebrati (2.500 pesci, 9.800 Uccelli, 8.000 Rettili, 4.960 Anfibi, 4.640 Mammiferi). Numerose anche le Piante, circa 270.000 specie, poi Funghi (72.000 specie), Protisti (50.000 specie) e Batteri (10.000 specie).
E in Italia? Il nostro territorio vanta un patrimonio di biodiversità straordinario e tra i più ricchi in Europa. Il paesaggio italiano è molto vario e di conseguenza ospita moltissime specie animali e vegetali, in ogni angolo. Tradotta in numeri, la biodiversità italiana è costituita da oltre 57.000 specie animali, più di un terzo cioè dell'intera fauna europea, e 9.000 specie di piante, muschi e licheni, la metà delle specie vegetali del continente.
Ben 5.000 specie sono endemiche, si trovano cioè esclusivamente da noi. Tra queste il camoscio d'Abruzzo, la salamandrina dagli occhiali, l'orecchione sardo, esempi di unico valore naturalistico. Tra le piante, la primula di Palinuro, l'ontano napoletano e l'abete dei Nebrodi. Inoltre la superficie forestale italiana è di circa 10 milioni di ettari e copre un terzo del nostro paese.
La biodiversità è ciò che ha reso e rende il nostro pianeta meraviglioso. Per questo il WWF da sempre se ne prende cura, cercando di tutelare e conservare la biodiversità nelle sue molteplici manifestazioni: dalle specie, alle popolazioni, agli habitat fino ai processi ecologici ed evolutivi che hanno permesso la formazione di questa straordinaria ricchezza di vita. E le Oasi sono uno dei "progetti" più importanti del WWF Italia.
Nelle Oasi sono rappresentati quasi tutti gli ambienti naturali del nostro paese, dalle praterie alpine alle aree costiere, dai laghi e dai corsi d'acqua alle zone umide, dalla macchia mediterranea alle cime innevate.
In poche parole la biodiversità misura la ricchezza di vita sulla Terra e ne garantisce la sua sopravvivenza. È un patrimonio universale per tutta l'umanità, una risorsa insostituibile, fornisce innumerevoli benefici a livello sociale, economico, scientifico, educativo, culturale, ricreativo ed estetico e rappresenta dunque la nostra "assicurazione" per il futuro.
Conservarla deve diventare la nostra priorità: l'uomo non ha il diritto di estinguere specie viventi. Invece ha il dovere di preservare l'ambiente e le sue risorse per le generazioni future.

Fonte: WWF Italia - Per la difesa della Natura

25 maggio 2008: Giornata delle Oasi

Creative Commons License

This blog is licensed under a Creative Commons License

Technorati


November 2011

Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

About this Archive

This page is an archive of entries from May 2008 listed from newest to oldest.

April 2008 is the previous archive.

June 2008 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

Tag Cloud